Risoluzione delle controversie

Lo svolgimento del compito dell’arbitro non si esaurisce nell’applicazione corretta delle procedure e delle norme.
L'arbitro infatti svolge il suo compito interagendo con i soggetti coinvolti che si aspettano una soluzione.
Oltre alle competenze tecniche, l’arbitro deve perciò possedere un set di talenti cognitivi ed emotivi, le cosiddette “soft skills”, che consentono di gestire con efficacia le situazioni problemiche e le relazioni interpersonali.

Questo set di talenti, affinabili con l’esperienza, include comunicazione e capacità di ascolto, empatia, problem solving, decision making.
Rino Rumiati, già professore ordinario di Psicologia Generale e di Psicologia della Decisione all'Università di Padova, propone una giornata di formazione dedicata ad affinare queste competenze trasversali per avere la capacità di pensare, costruire ed esprimere la decisione ritenuta la soluzione più coerente della controversia sulla base degli elementi di giudizio emersi.

Questa giornata formativa si inserisce all'interno di un percorso formativo di cui sono previsti 3 moduli in totale, fruibili sia singolarmente che come unico corso. Guarda il primo modulo "Gestione emotiva dell'udienza" e il secondo modulo "Psicologia cognitiva e processo decisionale".

Programma    Iscriviti    

 

Le opzioni a tua disposizione:

  • Quota percorso completo €290+iva

    Riservata a chi acquista l’intero percorso formativo che comprende i tre seminari: “Gestione emotiva dell’udienza” 1 luglio 2019, “Psicologia cognitiva e processo decisionale” 20 settembre 2019, “Le abilità cognitive al servizio dell’arbitrato” 14 ottobre 2019.

  • Quota singolo corso

    Quota intera €140+iva
    Quota scontata €120+iva riservata a partecipanti under 35; abbonati al Centro Studi CAM; soci AIGI e ALGIUSMI; mediatori iscritti agli elenchi delle Camere di commercio lombarde.


iscriviti