Risoluzione delle controversie

Il Consiglio di Amministrazione di Camera Arbitrale di Milano sr.l. è composto da tre o cinque membri (amministratori): la maggioranza degli amministratori è nominata dal socio unico Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, il quale indicherà tra essi il Presidente del Consiglio di amministrazione.

I restanti amministratori sono nominati dall’Assemblea.

Il Consiglio di Amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della società, salvo quanto riservato alle decisioni dei soci riportate all’articolo 10 dello Statuto.

Lo stesso approva i regolamenti e i tariffari per definire le modalità di svolgimento dei servizi di cui all’art. 2 dello Statuto (arbitrato, conciliazione, mediazione, perizia contrattuale, arbitraggio ed altri) con la possibilità di  nominare un consiglio arbitrale con l’incarico, gratuito, di applicare e sovraintendere alla corretta applicazione di tali regolamenti.

Il Consiglio di Amministrazione predispone i piani di sviluppo della Camera Arbitrale di Milano srl, adotta i provvedimenti necessari per la loro realizzazione in conformità agli indirizzi stabiliti dagli organi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e fissa i parametri di valutazione dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione aziendale. Lo stesso produrrà al Segretario Generale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi una relazione semestrale sui risultati raggiunti.

Il Direttore Generale, nei limiti dei poteri conferitigli e secondo gli indirizzi del Consiglio di Amministrazione, provvede alla gestione degli affari correnti, sovrintende alla organizzazione ed al funzionamento della società, dà esecuzione alle deliberazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione in relazione all’esercizio delle sue attribuzioni. Il Direttore Generale prende parte senza diritto di voto alle sedute del Consiglio di Amministrazione ed è il capo del personale; può fare proposte al Consiglio di Amministrazione di assunzione, di promozione, di licenziamento o di revoca dell’impiego.

Il Collegio Sindacale è composto da tre sindaci effettivi e due supplenti così nominati:

  • due sindaci effettivi ed un sindaco supplente saranno di nomina del socio Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, la quale indicherà altresì, tra essi, il Sindaco effettivo che assumerà la carica di Presidente del Collegio Sindacale;
  • il restante sindaco effettivo ed il restante sindaco supplente sono nominati dall’Assemblea con le maggioranze di legge, precisandosi che nell’accertamento dei risultati di tale votazione non verranno computati i voti del socio Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.